Moltiplicare matrici online dating dating site murderer memes about relationships

Innanzitutto, se una tale matrice esiste (cioè se £$A$£ è invertibile), essa è unica.Infatti, supponiamo che la matrice quadrata £$A$£ abbia due inverse, che chiamiamo £$B$£ e £$C$£.lo spazio vettoriale delle matrici di dimensione n.In pratica, la matrice trasposta si deve intendere come una matrice in cui le colonne diventano righe e le righe diventano colonne.L'operazione di trasposizione è definita sia su matrici quadrate che rettangolari, e quindi anche su vettori.In particolare, un vettore colonna trasposto è un vettore riga, e viceversa.Ora che sai cosa sono le matrici e come si eseguono le principali operazioni con le matrici, è il momento di alzare il sipario su un altro concetto centrale dell’Algebra Lineare: il determinante delle matrici quadrate.In questa lezione vedrai prima di tutto perché abbiamo bisogno di un concetto come quello del determinante di una matrice quadrata.

Esempio: data la matrice £$A = \left[\begin2 & 0 & 3 \ 0 & 1 & 1 \ 1 & 2 & -1 \end\right]$£, si può scegliere la prima riga e calcolare il determinante come segue: £$det(A) = 2 \cdot det \left( \left[\begin1 & 1 \ 2 & -1 \end\right] \right) 0 \cdot det \left( \left[\begin0 & 1 \ 1 & -1 \end\right] \right) 3 \cdot det \left( \left[\begin0 & 1 \ 1 & 2 \end\right] \right) = 2(-1-2) 0(0-1) 3(0-1) = -6-3 = -9$£.Per calcolare il determinante di matrici di ordine £$n$£ qualsiasi, si può utilizzare il seguente algoritmo, anch’esso in accordo con la definizione di determinante.Data la generica matrice di ordine £$n$£, £$A = \left[\begina_ & a_ & \dots & a_ \ a_ & a_ & \dots & a_ \ \dots & \dots & \dots & \dots \ a_ & a_ & \dots & a_ \end\right]$£, si eseguono i seguenti passi: In forma più compatta, scelto un valore £$i$£ (oppure £$j$£) compreso tra £

Esempio: data la matrice £$A = \left[\begin2 & 0 & 3 \\ 0 & 1 & 1 \\ 1 & 2 & -1 \end\right]$£, si può scegliere la prima riga e calcolare il determinante come segue: £$det(A) = 2 \cdot det \left( \left[\begin1 & 1 \\ 2 & -1 \end\right] \right) 0 \cdot det \left( \left[\begin0 & 1 \\ 1 & -1 \end\right] \right) 3 \cdot det \left( \left[\begin0 & 1 \\ 1 & 2 \end\right] \right) = 2(-1-2) 0(0-1) 3(0-1) = -6-3 = -9$£.

Per calcolare il determinante di matrici di ordine £$n$£ qualsiasi, si può utilizzare il seguente algoritmo, anch’esso in accordo con la definizione di determinante.

Data la generica matrice di ordine £$n$£, £$A = \left[\begina_ & a_ & \dots & a_ \\ a_ & a_ & \dots & a_ \\ \dots & \dots & \dots & \dots \\ a_ & a_ & \dots & a_ \end\right]$£, si eseguono i seguenti passi: In forma più compatta, scelto un valore £$i$£ (oppure £$j$£) compreso tra £$1$£ e £$n$£, si tratta di calcolare la sommatoria £$\sum_^n a_ \cdot c_$£ (oppure £$\sum_^n a_ \cdot c_$£), con £$c_ = (-1)^ \cdot M_$£, dove £$M_$£ è la matrice che si ottiene da £$A$£ rimuovendo la i-esima riga e la j-esima colonna.

Allora esiste una matrice inversa tale che £$AA^ = I_n$£, quindi si ha £$det(AA^) = det(I_n) = 1$£, da cui, ricordando la proprietà del determinante del prodotto di due matrici, si trova che il determinante della matrice inversa £$A^$£ è uguale all’inverso del determinante della matrice £$A$£.

Da ciò discende che il determinante di £$A$£ deve essere diverso da zero.

||

Esempio: data la matrice £$A = \left[\begin2 & 0 & 3 \\ 0 & 1 & 1 \\ 1 & 2 & -1 \end\right]$£, si può scegliere la prima riga e calcolare il determinante come segue: £$det(A) = 2 \cdot det \left( \left[\begin1 & 1 \\ 2 & -1 \end\right] \right) 0 \cdot det \left( \left[\begin0 & 1 \\ 1 & -1 \end\right] \right) 3 \cdot det \left( \left[\begin0 & 1 \\ 1 & 2 \end\right] \right) = 2(-1-2) 0(0-1) 3(0-1) = -6-3 = -9$£.Per calcolare il determinante di matrici di ordine £$n$£ qualsiasi, si può utilizzare il seguente algoritmo, anch’esso in accordo con la definizione di determinante.Data la generica matrice di ordine £$n$£, £$A = \left[\begina_ & a_ & \dots & a_ \\ a_ & a_ & \dots & a_ \\ \dots & \dots & \dots & \dots \\ a_ & a_ & \dots & a_ \end\right]$£, si eseguono i seguenti passi: In forma più compatta, scelto un valore £$i$£ (oppure £$j$£) compreso tra £$1$£ e £$n$£, si tratta di calcolare la sommatoria £$\sum_^n a_ \cdot c_$£ (oppure £$\sum_^n a_ \cdot c_$£), con £$c_ = (-1)^ \cdot M_$£, dove £$M_$£ è la matrice che si ottiene da £$A$£ rimuovendo la i-esima riga e la j-esima colonna.Allora esiste una matrice inversa tale che £$AA^ = I_n$£, quindi si ha £$det(AA^) = det(I_n) = 1$£, da cui, ricordando la proprietà del determinante del prodotto di due matrici, si trova che il determinante della matrice inversa £$A^$£ è uguale all’inverso del determinante della matrice £$A$£.Da ciò discende che il determinante di £$A$£ deve essere diverso da zero.

$£ e £$n$£, si tratta di calcolare la sommatoria £$\sum_^n a_ \cdot c_$£ (oppure £$\sum_^n a_ \cdot c_$£), con £$c_ = (-1)^ \cdot M_$£, dove £$M_$£ è la matrice che si ottiene da £$A$£ rimuovendo la i-esima riga e la j-esima colonna.Allora esiste una matrice inversa tale che £$AA^ = I_n$£, quindi si ha £$det(AA^) = det(I_n) = 1$£, da cui, ricordando la proprietà del determinante del prodotto di due matrici, si trova che il determinante della matrice inversa £$A^$£ è uguale all’inverso del determinante della matrice £$A$£.Da ciò discende che il determinante di £$A$£ deve essere diverso da zero.

Leave a Reply